Il delfino dell'Oligocene aveva un metodo di alimentazione unico

Bella bellezza Aveva denti unici che probabilmente formavano una gabbia attorno a piccoli pesci; Questi denti, combinati con una cresta debole, un collo flessibile e le dimensioni più piccole tra i suoi parenti, lo renderebbero un abile cacciatore in acque poco profonde, secondo un team di paleontologi dell'Università di Otago.

Cranio Bella bellezza; Notare la spaziatura dei denti e la topografia del viso. Credito immagine: Meakin et al., doi: 10.1080/03036758.2024.2314505.

La specie di delfino appena descritta viveva nei mari del periodo Oligocene, circa 22 milioni di anni fa.

Soprannominato Bella bellezzaQuesta specie era lunga circa 2 m (6,6 piedi) ed è stata molto probabilmente ecolocalizzata.

Aveva un cranio debole, un collo flessibile e un orientamento laterale unico dei denti, suggerendo che scansionasse acque poco profonde per catturare piccole prede in un cesto di denti.

“Aveva denti ampiamente appiattiti, che si pensa avvolgessero il pesce, come un ampio cesto, il che è insolito perché altri antichi delfini della zona usavano tipicamente i loro denti per colpire la preda”, ha detto Shane Meakin, paleontologo dell'Università. di Otago.

“Quando si osservano i denti dei delfini, è naturale pensare che i grandi denti nella parte anteriore e centrale della bocca siano gli strumenti principali per catturare le prede o pugnalare o smembrare i pesci sfortunati.”

“Tuttavia, sembra che questo sia il modo in cui i delfini imparentati cacciano Bella bellezza Sembra che abbia adottato un approccio completamente diverso, utilizzando questi denti in modo più preciso.

Scavi Bella bellezza – Teschio, denti, ossa dell'orecchio, mascella inferiore, vertebre e costole – trovati in una cava nella valle di Hakataramia, in Nuova Zelanda.

READ  Notizie dell'incontro dei rappresentanti della Banca Mondiale

“Tra 22 e 27 milioni di anni fa, la Nuova Zelanda affondò, lasciando tra l'1% di esposizione sopra il livello del mare e la totale sommersione, durante la quale la vita marina fiorì”, hanno detto i paleontologi.

“I sedimenti di quel periodo rappresentano molti dei cetacei nelle collezioni del Museo di geologia dell'Università di Otago.”

“Una cosa del genere è Bella bellezza È stato raccolto da una cava di calcare nella valle di Hakataramiah, a sud di Canterbury, conosciuta come “Hove Quarry”.

Scoperta Bella bellezza Mostra la presenza di molti delfini fossili in una piccola area, che variano notevolmente nell'aspetto.

“Ciò dimostra che animali simili possono coesistere se esplorano nicchie ecologiche diverse”, ha detto Meakin.

“Ciò indica anche che i primi delfini preistorici utilizzavano molte strategie di alimentazione diverse per esplorare nicchie diverse, motivo per cui così tante specie diverse di delfini estinti sono state recuperate da siti fossili come la valle di Hakataramya”.

IL le scoperte Pubblicato il 21 febbraio 2024 in Giornale della Royal Society della Nuova Zelanda.

_____

Shane Mikin et al. Bella bellezzaun nuovo delfino platanistoide dell'Oligocene della Nuova Zelanda con un metodo di alimentazione unico. Giornale della Royal Society della Nuova Zelanda, pubblicato online il 21 febbraio 2024; doi: 10.1080/03036758.2024.2314505

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply