Lì andrà la pressione migratoria “insostenibile” secondo Giorgia Meloni e Ursula von der Leyen

Su richiesta del primo ministro italiano, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha detto che domenica si recherà a Lampedusa per vedere la situazione. Inoltre, sabato pomeriggio una teleconferenza sulla crisi migratoria riunirà i ministri dell'Interno francese, italiano e tedesco, la presidenza spagnola del Consiglio dell'Unione europea e la commissaria europea per gli affari interni Ylva Johansson.

“Dovere europeo di solidarietà”

Il presidente francese Emmanuel Macron venerdì ha difeso il “dovere europeo di solidarietà” con l’Italia, mentre Berlino ha appena sospeso l’accoglienza volontaria dei richiedenti asilo provenienti da quel Paese a causa delle “forti pressioni migratorie” e del rifiuto di Roma di attuare gli accordi europei. Tuttavia, anche la Germania sembra pronta a tendere una mano a Roma, a condizione che: i trasferimenti previsti dal “Meccanismo volontario europeo di solidarietà” possano essere reimplementati “in qualsiasi momento se l’Italia adempie al suo impegno di riprendere i rifugiati, ” Secondo un portavoce del governo tedesco ha confermato venerdì che le regole dell'UE.

“Siamo in tanti qui”

Lampedusa si trova a meno di 150 chilometri dalla costa tunisina, ed è una delle prime tappe per i migranti che attraversano il Mediterraneo nella speranza di raggiungere l'Europa. Ogni anno, durante l'estate, decine di migliaia di loro escono in mare, spesso su imbarcazioni traballanti, per tentare la pericolosa traversata nella quale da gennaio hanno già perso la vita più di 2.000 persone. La situazione, invece, non era così tesa a Lampedusa, dove, secondo il Ministero dell'Interno, è arrivata la maggior parte degli 11.000 migranti arrivati ​​in territorio italiano da lunedì, provocando il pienone del centro di accoglienza gestito dalla Croce Rossa italiana. CRI) con una capienza di 400 posti.

READ  Simulazione 3D di lampi di raggi X sulla superficie delle stelle di neutroni
Georgia Meloni.

Attila Kespendyk/AFP

Federico Fossi, portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha detto che tra lunedì e mercoledì sono arrivate sull'isola 8.512 persone, un numero superiore alla popolazione locale. A causa dello spazio limitato nel centro di accoglienza, centinaia di persone sono state costrette a dormire fuori, in strada, beneficiando talvolta della generosità dei residenti che hanno portato loro acqua e cibo. Dall’inizio dell’anno sono sbarcati sulle coste italiane complessivamente oltre 127.000 migranti, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo del 2022. Tuttavia, i numeri non hanno ancora superato quelli del 2016, quando arrivarono più di 181.000 persone, molte delle quali loro siriani in fuga dalla guerra sono arrivati ​​in Italia.

Preoccupazioni in Europa

Questi arrivi hanno scatenato numerose reazioni politiche, sia in Italia che nei paesi vicini. La situazione a Lampedusa mostra che “gli approcci nazionalisti rigidi hanno i loro limiti”, ha dichiarato venerdì Emmanuel Macron, auspicando che “l’Italia non venga lasciata sola con ciò che sta vivendo oggi”. I rapporti tra i due Paesi sono diventati tesi nel novembre 2022, quando l’Italia ha rifiutato di accogliere la nave umanitaria Ocean Viking e i 230 migranti a bordo, spingendo Parigi a consentirne l’attracco a Tolone, denunciando il comportamento “inaccettabile” di Roma.

Alessandro Serrano/AFP

Giorgia Meloni, capo del partito post-fascista Fratelli d'Italia, critica gli altri paesi europei per non fare la loro parte nell'accoglienza dei migranti, mentre l'Italia è in prima linea. Emmanuel Macron ha sottolineato che, infatti, gli europei “non dovrebbero lasciare l'Italia sola di fronte a ciò che sta attraversando”, citando “la responsabilità dell'intera Unione europea”. Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha annunciato venerdì che Francia e Italia vogliono lavorare insieme a livello europeo per rafforzare la “prevenzione della partenza dei migranti” e combattere i “trafficanti”. Venerdì, il suo omologo italiano, Matteo Piantidosi, ha parlato con lui e ha convenuto che è necessario “soprattutto rafforzare rapidamente la cooperazione operativa” con i Paesi di partenza, per “prevenire” nuovi attraversamenti.

READ  Shannen Doherty ha parlato della sua esperienza con il suo oncologo. La star ha descritto il suo viaggio attraverso la vita come "coraggioso".

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply