Il futuro politico dell’Assia dopo il voto

Ott 30th, 2018
119 Views
Volker Bouffier, presidente della CDU in Assia

Volker Bouffier, presidente della CDU in Assia

Sono già iniziati i primi colloqui sulla formazione del nuovo governo in Assia, dopo il voto di domenica scorsa. La CDU, con il leader regionale e presidente della regione Volker Bouffier, ha fissato una serie di incontri con gli altri partiti per esplorare le basi di un’alleanza governativa congiunta.

I Verdi hanno dichiarato che sarebbero felici di continuare con la coalizione nero-verde del governo uscente. Rispetto alle proiezioni, infatti, il risultato finale delle elezioni ha assegnato alla coalizione tra CDU e Verdi una maggioranza di un solo voto: 69 seggi complessivi (40 per la CDU e 29 per i Verdi), il minimo sufficiente per governare nel parlamento regionale composto, in questa legislatura, da 137 membri (come in altri Lander tedeschi, il numero dei seggi può variare a ogni elezione a seconda del risultato elettorale).

Non sarebbe la prima volta che un Land viene governato con un solo voto di maggioranza. Ma i Verdi potrebbero essere interessati anche a un’altra proposta, arrivata direttamente per bocca del leader dell’SPD in Assia, Thorsten Schäfer-Gümbel, che ha aperto le porte a una coalizione “semaforo”: cioè composta da Verdi, SPD e liberali (FDP), con un presidente della regione dei Verdi in quanto partito più votato dei tre (seppure con appena 94 voti di scarto sull’SPD). Una strada, però, difficilmente percorribile: sia perché bisognerebbe lasciare all’opposizione il partito di maggioranza relativa, la CDU; sia perché i liberali (anch’essi in leggera crescita nel voto, con 11 seggi conquistati) non si sono dichiarati disponibili a votare la fiducia a un presidente regionale dei Verdi.

Resta invece sul tavolo l’opzione di una coalizione “Jamaica”, se il presidente uscente Bouffier intendesse governare con una maggioranza più ampia: in tal caso, a CDU e Verdi si aggiungerebbero proprio i liberali. Il loro leader regionale, René Rock, si è tuttavia dichiarato scettico anche riguardo questa eventualità.

Comments are closed.